ASSODIMI - ASSONOLO

Associazione Distributori e Noleggiatori
Centri Assistenza e Formazione
di macchine, beni
e attrezzature strumentali

La slitta non la usa solo Babbo Natale...

La slitta non la usa solo Babbo Natale...

La slitta perforatrice: quando la slitta serve a perforare e non a sorvolare i cieli




 
Non tutti i cantieri richiedono noleggi ordinari. E spesso interventi speciali richiedono forniture altrettanto speciali, anzi da specialisti.
 
Recentemente GV3 Venpa ha fornito a noleggio un escavatore JBC JS 220 Long Reach a Metalstrade di Perugia.
Metalstrade è una ditta incentrata sull’edilizia civile e industriale, specializzata nella realizzazione di barriere stradali e antirumore. L’escavatore JBC JS 220 Long Reach è stato accessoriato di una slitta perforatrice, indispensabile per effettuare chiodature atte a rinforzare e/o armare pareti di terreno friabile. 
 
 
Cos’è la slitta perforatrice
 
La slitta perforatrice è una macchina capace di perforare terre, pietre, rocce, opere murarie, ecc. Progettata per applicazioni nell’ambito dell’ingegneria civile e per il settore minerario, la slitta perforatrice è versatile ed ergonomica, in grado di adattarsi alle più svariate esigenze di lavoro.
 
E’ disponibile nella versione pneumatica o nella versione idraulica. Risulta ideale per la posa in opera di barriere, reti paramassi e lavori di perforazione e consolidamento in parete.

Cosa sono le chiodature
Le chiodature sono strutture realizzate attraverso la posa in opera di elementi resistenti (ad esempio barre in acciaio), posati in fori realizzati nei versanti a rischio tramite l’impiego di slitte perforatrici.
 
Le tecniche di perforazione e le modalità di ancoraggio al terreno sono definite in relazione alla natura dei materiali da attraversare. Le attrezzature utilizzate, quali appunto le slitte perforatrici, sono invece di tipo estremamente specialistico. In ogni caso sono potenti, e, nel contempo, leggere per poter essere utilizzate in parete.
 

Chiodature passive
Le chiodature  passive vengono eseguite negli interventi di posa di rete su una superficie irregolare sui tre assi cartesiani. La chiodatura serve a far aderire il più possibile la rete stessa alla superficie rocciosa.
 
Chiodature attive
Le chiodature attive sono utilizzate per i rafforzamenti corticali con posa in aderenza lungo pendici rocciose in modalità semplice o rinforzata da reticolo di funi (fasciatura o imbragatura di singoli elementi rocciosi disarticolati o isolati).

 


Notizia del socio:

Contattaci

Campi Richiesti *